L’evoluzione dei linguaggi di programmazione

Proprio come una lingua “parlata”, anche i linguaggi informatici hanno la loro storia ed evoluzione. La differenza sta nel fatto che, nello sviluppo dei software, un linguaggio viene adoperato fino a quando è considerato funzionale, altrimenti viene abbandonato. In altri casi, il linguaggio è talmente versatile da potersi adattare anche alla scrittura di programmi sempre più evoluti.

Quali sono le caratteristiche di un linguaggio informatico che funziona? Prima di tutto deve poter essere piuttosto semplice, per poter essere memorizzato e utilizzato; in secondo luogo deve avere la possibilità di programmare un numero altissimo di funzionalità.

Le cinque generazioni

Proprio come in un processo evolutivo, i diversi step che hanno caratterizzato questi linguaggi (anche dal punto di vista della loro collocazione storica), sono divisi in cinque generazioni. Nella prima, troviamo tutti quei procedimenti di sviluppo le cui funzionalità e istruzioni erano legate a un certo hardware. Si trattava, insomma, di linguaggi che erano intraducibili per altre macchine. Entrano a far parte dell’ultima generazione (la quinta) tutti quei linguaggi che hanno grandi possibilità di adattamento, e che sono stati realizzati per campi come l’AI e la robotica. I linguaggi maggiormente conosciuti a livello di programmazione, come Java e C++, appartengono al terzo livello di evoluzione.

Caratteristiche comuni

Dallo short code fino al Fortran al BASIC degli anni Cinquanta, il Pascal e allo C degli anni Settanta, fino ad arrivare ai più strutturati linguaggi utilizzati oggi, tutti questi insiemi di istruzioni informatiche hanno in comune il fatto di avere un lessico, una semantica e una sintassi.

Cos’è “Hello world!”

Quando si inizia un percorso formativo in un determinato linguaggio, la tradizione vuole che la prima serie di comandi debba eseguire la scritta “Hello world!”, che quindi apparirà sullo schermo una volta configurato correttamente il relativo programma di istruzioni. Questo esempio venne usato dai celebri autori Ritchie e Kernighan nel loro manuale dedicato al linguaggio C. Da allora, sono le prime parole che vengono scritte dagli studenti di tutti i diversi linguaggi informatici.

I programmatori e il mercato del lavoro

Diventare programmatore è il sogno di tanti appassionati di computer. Ma il cammino per diventare esperti in questo settore può essere davvero in salita se non viene affrontato con estrema serietà. Saper scrivere qualche riga di codice o riuscire a districarsi nel bios non sono certo elementi sufficienti per essere appetibili nel mercato del lavoro. In più, non si può pensare di farsi le ossa una volta entrati in azienda: molti di questi business assumono proprio perché chi entra a lavorare apporta un qualche valore aggiunto. In questo articolo analizziamo quali siano le figure professionali più richieste di questi ultimi anni. Si tratta di lavori che si possono svolgere anche da remoto, non solo da casa, ma persino in un altro paese del mondo rispetto a dove si trova l’azienda. Decisamente un paradiso per ogni aspirante nomade digitale! Full Stack Developer  Si tratta di un professionista completo, con un tipo di competenze che non sono certo entry level. Questi programmatori c... Leggi di più

Conferenze di informatica

A differenza dei più ridotti seminari, le conferenze sono eventi articolati in più giorni. Partecipano diversi relatori, alle volte provenienti da diversi Paesi, con lo scopo di far conoscere idee innovative e di confrontarsi con altri professionisti. Nel campo dello sviluppo di software, è importante tenersi sempre al passo con ciò che succede nelle più diverse realtà aziendali, per riuscire a costruire su ciò che è già stato messo a punto, oppure per dare il proprio contributo a progetti di software development. In questo post, prenderemo sotto esame alcuni eventi di respiro internazionale, che sono frequentati sia da esperti che da studenti. Partecipare a queste conferenze significa entrare nel vivo delle discussioni sull’evoluzione dei più recenti ambienti di sviluppo. Stati Uniti: NIST  L’evento per eccellenza per tutti coloro che lavorano nell’ambito della sicurezza informatica. In questo campo, che deve sempre essere in continuo aggiornamento, si trovano alcun... Leggi di più

Networking e team building: gli hackathon

Hanno un termine che deriva dall’unione di “hacking” e di “maratona”: gli hackathon sono eventi dedicati al mondo della programmazione. Si tratta di concorsi che coinvolgono un gran numero di professionisti già avviati, così come giovani programmatori che vogliono mettersi alla prova. Normalmente, sono strutturati come una specie di concorso a squadre, e la finalità è quella di creare, in un periodo di tempo molto limitato, un software completamente funzionale. Questi eventi possono essere dedicati a un linguaggio informatico particolare, oppure allo sviluppo di app per dispositivi mobili, oppure ancora alla risoluzione di un problema che riguarda una piattaforma o un servizio. In ogni caso, si tratta di convegni molto particolari dove, a causa dei tempi molto stretti attraverso i quali portare a termine il progetto, le persone si trovano a condividere spazi, ambienti di lavoro e idee, formando team che devono trovare un affiatamento per poter ottenere il... Leggi di più

L’UX perfetta? Studiate i videogiochi

Per una volta, il settore dell’intrattenimento online non serve solo a divertirsi, ma anche a comprendere quali siano i punti di forza di una User Experience (UX) di successo. Osservare ciò che viene implementato nei videogames, infatti, può portare a capire quali siano le caratteristiche che rendono un programma per PC o un’app non solo funzionale, ma anche accattivante e semplice da usare. Aggiornamento costante e l’esempio del gaming online Lasciando per un attimo l’ambito dei videogiochi ed entrando nel mondo del gioco d’azzardo, ecco uno dei primi aspetti da tenere in considerazione, ovvero le continue novità. Chi è appassionato di casinò online sa bene che uno dei pregi di sale gioco virtuali con tantissimi iscritti, come il conosciutissimo Starcasino, è proprio quello di rinnovare il “parco giochi” costantemente, con titoli diversi. Poter sfidare la sorte con una nuova slot, oppure con un gioco da tavolo mai provato prima è parte stessa... Leggi di più

Software per lo svago: cosa riserva il futuro

Nel campo dell’intrattenimento sono stati fatti passi da gigante, grazie all’implementazione di una serie di tecnologie indipendenti, messe abilmente insieme dalle software house che si occupano di gioco. Alcune delle piattaforme, in particolare, che si occupano di gioco d’azzardo presentano caratteristiche davvero innovative che andremo ad analizzare perché si tratta di un settore in rapida crescita e sul quale può far gola investire e specializzarsi. Gioco immersivo Attraverso meccanismi che ricalcano la tecnologia applicata alla VR molte applicazioni, grazie anche ad audio spettacolari, riescono a creare un ambiente di gaming talmente coinvolgente da provare la sensazione di trovarsi “dentro” al gioco stesso. Va da sé che le grafiche in questo caso si sviluppano in 3D. Intelligenza artificiale e scommesse Predire il risultato esatto di una partita di calcio o di un match di pugilato? Forse questo non sarà mai fattibile, ma grazie all’AI è possibi... Leggi di più